Caricabatterie (Free)


Contenuti Free

CARICABATTERIE

Categorie:

Adattatori - Alimentatori - Allarmi - Amplificatori - Caricabatterie - Circuiti Audio - Circuiti RF - Circuiti Video - Sensori e Strumentazione - Sistemi di Controllo

Carica batterie Nicad
free-prj
Il circuito in figura è un ricarica batterie. Esso è costituito da un trasformatore che presenta sul secondario una tensione…
Leggi tutto...

caricabatteria per auto in tampone
free-prj
La figura  mostra un semplice caricabatteria per auto in tampone. Il circuito eroga la massima corrente quando la batteria è…
Leggi tutto...

Caricabatterie da 1,5V
free-prj
Il circuito rappresentato in figura è un carica batterie da 1,5V. Ha bisogno per funzionare un trasformatore da 2,5VA, per…
Leggi tutto...

Caricabatterie solare NiCad
free-prj
Lo schema è un ricaricatore di batterie Nicad con cella solare .La cella solare per questo tipo di circuito è…
Leggi tutto...

Da alimentazione ad una batteria di backup
free-prj
L’LTC1473L risolve il problema della commutazione in modo impercettibile tra alimentazioni a 3,3V o 5V e pacchi di batterie di…
Leggi tutto...

Da alimentazione ad una batteria di backup
free-prj
L’LTC1473L risolve il problema della commutazione in modo impercettibile tra alimentazioni a 3,3V o 5V e pacchi di batterie di…
Leggi tutto...

Carica batterie per automobile
free-prj
Questo circuito è un carica batteria che sfrutta l’accendi sigari dell’auto per caricare qualsiasi batteria del tipo NiCad. Il circuito…
Leggi tutto...

3 comments on “Caricabatterie (Free)

  1. roberto

    Salve. Sono un nuovo iscritto. Sono un appassionato di elettronica, e vorrei realizzare più circuiti “CARICA BATTERIA E MANTENIMENTO” per auto e un distorsore per basso. Chi mi può aiutare? Grazie..

    • Ciao Roberto,
      i circuiti di carica e mantenimento per batterie Acido-Piombo utilizzate nelle autovetture si distinguono per la presenza di un circuito atto a controllare costantemente la tensione della batteria sotto carica. Lo stesso circuito provvede, di solito, a cambiare le diverse modalità di funzionamento passando, ad esempio, da quella di ricarica a quella di “mantenimento” una volta che gli elementi di batteria hanno raggiunto il valore nominale di “piena carica” (2,2 V nel caso di un elemento al Pb.). Lo scopo è quello di evitare il sovraccarico, che porterebbe soltanto allo sviluppo di ossigeno ed idrogeno in forma gassosa sulle piastre. Questo fenomeno, tollerabile negli accumulatori di “vecchio tipo” o ” a camera aperta”, diventa invece un problema non trascurabile negli accumulatori “semistagni” e deve assolutamente essere evitato nelle batterie completamente sigillate. Nella modalità di mantenimento, lo scopo non diventa più quello di caricare la batteria, ma soltanto quello di compensare il naturale processo di “auto-scarica”. Pertanto un buon caricabatterie automatico si può (se ben tarato sulle soglie di intervento..!!) lasciare collegato anche indefinitamente alla batteria del mezzo in rimessa. Se ti servono altri spunti, fatti avanti e… divertiti con il tuo hobby e con la tua passione!
      Roberto Armani

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>